Non vuoi tirare su uno psicopatico? Devi essere sensibile al disagio del bambinoCome si fa a impedire a un figlio, in particolare se ha sperimentato avversità significative, di crescere diventando psicopatico?


Il caregiving disponibile e empatico, soprattutto quando i figli sono in difficoltà, aiuta a impedire che diventino ragazzi insensibili e adolescenti senza emozioni, secondo un nuovo studio eseguito alla Tulane University sui bambini cresciuti in affidamento.


La ricerca, pubblicata sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, è il primo a dimostrare che un intervento può prevenire i precursori della psicopatia.


I ricercatori hanno misurato i livelli di comportamento insensibile e non emozionabile a 12 anni di età del Bucharest Early Intervention Project, una coorte di bambini abbandonati negli orfanotrofi rumeni nei primi anni 2000 e seguiti longitudinalmente da allora. La metà di questi bambini sono stati collocati in affidamento di alta qualità da bambini, mentre altri sono cresciuti in un istituto.


I ricercatori hanno confrontato i loro risultati con quelli di bambini che non erano mai stati orfani. Lo studio è stato diretto dal dottor Charles H. Zeanah della Tulane, da Nathan A. Fox dell'Università del Maryland, e da Charles A. Nelson della Harvard Medical School.


Nel complesso, i bambini allevati in orfanotrofi avevano livelli significativamente più elevati di tratti insensibili-non emozionabili rispetto ai bambini che non erano mai stati istituzionalizzati. I ragazzi in affidamento avevano livelli più bassi di tratti insensibili-non emozionabili rispetto a quelli che non avevano ricevuto l'intervento.


Cosa spiega la differenza? I ricercatori hanno osservato i bambini con i loro caregiver sin da neonati e hanno scoperto che più i caregiver erano sensibili al disagio di un bambino, meno i ragazzi erano insensibili e più empatici in adolescenza.


Il primo autore Kathryn Humphreys, che ha condotto lo studio come borsista post-dottorato in salute mentale infantile alla Tulane, dice che i risultati possono aiutare i fautori del benessere dei bambini a puntare e sostenere comportamenti specifici dei caregiver quando [i bambini] arrivano nelle famiglie.

"Se potessimo intervenire precocemente per aiutare i bambini nel loro sviluppo, non aiuteremmo solo loro, ma anche la società più in generale", dice. "Il modo migliore per farlo è assicurarci che i bambini siano collocati in case con caregiver adeguati e aiutare i caregiver a imparare ad essere più sensibili alle esigenze del bambino".

 

 

 


Fonte: Keith Brannon in Tulane University (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Kathryn L. Humphreys, Lucy McGoron, Margaret A. Sheridan, Katie A. McLaughlin, Nathan A. Fox, Charles A. Nelson, Charles H. Zeanah. High-Quality Foster Care Mitigates Callous-Unemotional Traits Following Early Deprivation in Boys: A Randomized Controlled Trial. Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 2015; 54 (12): 977 DOI: 10.1016/j.jaac.2015.09.010

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Biblioteca Comunale di Altivole. I siti terzi raggiungibili da eventuali link contenuti nell'articolo sono completamente estranei alla Biblioteca, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.