Lunghe notti e giorni pigri potrebbero portarti alla tomba anzitempo

Dormire più di nove ore a notte, e stare seduti troppo durante il giorno potrebbe essere una combinazione pericolosa, soprattutto quando si aggiunge la mancanza di esercizio fisico, in base alle nuove scoperte emerse dallo studio «45 and Up» del Sax Institute.


I risultati, pubblicati sulla rivista PLoS Medicine, dimostrano che una persona che dorme troppo, resta seduta troppo e non fa attività fisica a sufficienza ha una probabilità più di 4 volte maggiore di morire presto di una persona senza quelle abitudini malsane di vita. (Troppa sedentarietà equivale a più di 7 ore al giorno e troppo poco esercizio è definito come meno di 150 minuti alla settimana.)


L'autrice dott.ssa Melody Ding ha detto:

"Negli ultimi anni sono aumentate le evidenze che dimostrano che stare troppo seduti fa male e stiamo comprendendo sempre più l'impatto del sonno sulla nostra salute, ma questo è il primo studio a esaminare come queste cose possono agire insieme.

"Quando si aggiunge la mancanza di esercizio fisico nel mix, si ottiene un effetto tipo «triplo malocchio». Il nostro studio dimostra che dovremmo davvero prendere questi comportamenti insieme allo stesso modo in cui trattiamo altri fattori di rischio, come i livelli di consumo di alcol e i modelli alimentari insalubri".


La Dott.ssa Ding e i suoi colleghi dell'Università di Sydney hanno analizzato i comportamenti sanitari di oltre 230.000 partecipanti al «45 and Up», lo studio più grande in Australia che sta esaminando la salute della popolazione con l'avanzare dell'età.


Essi hanno esaminato gli stili di vita che sono già noti per aumentare il rischio di morte e di malattia (il fumo, elevata assunzione di alcol, cattiva alimentazione e inattività fisica) e hanno aggiunto all'equazione l'eccessivo tempo da seduti e la carenza di sonno. Hanno quindi esaminato diverse combinazioni di tutti questi fattori di rischio per vedere quali gruppi hanno il maggiore impatto sul rischio di una persona di morire prematuramente per qualsiasi causa.


Oltre a nuove prove sulla combinazione rischiosa di sonno prolungato/restare seduti/mancanza di esercizio fisico, i ricercatori hanno anche scoperto un'altra minaccia tripla problematica: fumo / molto alcol / mancanza di sonno (meno di 7 ore a notte) è una equazione legata a un rischio più di quattro volte maggiore di morte prematura.


E diverse altre combinazioni hanno portato a più del doppio il rischio di morte precoce:

  • Inattività fisica + troppo sonno
  • Inattività fisica + troppo seduti
  • Fumo + alta assunzione di alcol


Il co-autore professor Adrian Bauman ha detto:

"Il messaggio che esce da questa ricerca, per medici, pianificatori sanitari e ricercatori, è che se si vuole progettare programmi di sanità pubblica in grado di ridurre il peso enorme e il costo delle malattie legate allo stile di vita dovremmo concentrarci sull'interazione tra questi fattori di rischio, piuttosto che tenerli isolati.

"Queste malattie non trasmissibili (come le malattie cardiache, il diabete e il cancro) ora uccidono più di 38 milioni di persone in tutto il mondo, e causano più morti delle malattie infettive. Capire meglio quale combinazione di comportamenti a rischio costituisce la minaccia più grande può guidare su bersagli migliori le scarse risorse disponibili per affrontare questo problema internazionale importante, e in crescita".

 

 

 


Fonte: Sax Institute (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Ding Ding, Kris Rogers, Hidde van der Ploeg, Emmanuel Stamatakis, Adrian E. Bauman. Traditional and Emerging Lifestyle Risk Behaviors and All-Cause Mortality in Middle-Aged and Older Adults: Evidence from a Large Population-Based Australian Cohort. PLOS Medicine, 2015; 12 (12): e1001917 DOI: 10.1371/journal.pmed.1001917

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Il contenuto di questo articolo non dipende da, nè impegna la Biblioteca Comunale di Altivole. I siti terzi raggiungibili da eventuali link contenuti nell'articolo sono completamente estranei alla Biblioteca, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.