San Vito - Chiesa ParrocchialeSan Vito - Chiesa ParrocchialeChiesa Parrocchiale

Spostandoci a S. Vito, di fronte alla piazza si presenta imponente la chiesa parrocchiale, vero tesoro di opere d'arte.

La chiesa (sec. XVII) che ha una lunga storia in cui sono documentati ricostruzioni e restauri è di grande interesse perché al sua interno si possono apprezzare:

•  l'altare maggiore, opera di Pasino Canova con i due angeli laterali scolpiti da Giuseppe bernardi detto il Torretto (prima foto a sinistra sotto);

•  l'"Ultima cena" (1606) di Marco Vecellio e la "Caduta della manna" (sec. XVIII) di andrea Michieli detto il Vicentino (due immagini della seconda file);

•  di Nadal Melchiori (nella cappella a sinistra del presbiterio) c'è una grande tela che raffigura la "Lapidazione di S. Stefano" (1729) e due ovali nel soffitto (1727) (foto centrale della 1a fila);

•  l'altare di sinistra conserva il dipinto "Madonna del Carmine e Santi" del trevigiano Bartolomeo Orioli; la pala che raffigura la Madonna del Carmine con fue santi e angeli risale al primo decennio del '600 (terza foto nella prima fila);

•  l'abside custodisce un dipinto attribuito a luca Mrtinelli, nel quale è raffigurata la "Vergine con il Bambino e Santi" (1596);

•  sull'altare di sinistra vi è la "Madonna del Rosario" di Noè Bordignon (1902).

San Vito - Chiesa - Altare di Pasino CanovaSan Vito, Chiesa: Altare di Pasino Canova San Vito - Chiesa - Lapidazione S StefanoSan Vito, Chiesa: Lapidazione S StefanoSan Vito, Chiesa: Madonna CarmineSan Vito, Chiesa: Madonna Carmine

 San Vito, Chiesa: Ultima cenaSan Vito, Chiesa: Ultima cenaSan Vito, Chiesa: Caduta mannaSan Vito, Chiesa: Caduta manna

 

 

Tomba Brion

Si rimanda alla sezione specifica di questo sito.

 

 

San Vito - Villa Costanzo-Giauna-Bernardo-BordignonSan Vito - Villa Costanzo-Giauna-Bernardo-BordignonVilla Costanzo Giauna-Bernardo, ora Bodignon

Di grande interesse è anche la Villa Costanzo Giauna-Bernardo, ora Bodignon (sec. XVII-XVIII), edificata dalla nobile famiglia dei Costanzo che avevano ampi possedimenti in Castelfranco Veneto e in San Vito di Altivole.

A lato della villa, lungo la strada provinciale per Asolo, si può ammirare il capitello dedicato alla Madonna della Rosa, in cui è effigiata all'interno una Madonna con Bambino del sec. XVI.